Esperienze – L’evoluzione del mercato italiano delle moto e degli scooter 2006-2011

Progetto L’evoluzione del mercato italiano delle moto e degli scooter, 2006-2011, con Edizioni Speciali srl

Analisi delle tendenze di medio periodo delle dinamiche del mercato italiano Moto e Scooter, sulla base dei dati ufficiali sulle immatricolazioni

Il problema

Il mercato delle moto e scooter è monitorato giorno per giorno dalle Case motociclistiche, grazie ai dati ufficiali sulle immatricolazioni, dettagliati per modello fino al livello territoriale del comune. I concessionari e i dealer vengono aggiornati periodicamente, anche grazie all’Osservatorio Moto di Moto Dealer News (pubblicato mensilmente da Edizioni Speciali srl). Ma, al di là di singole eccezioni, manca nel settore una consapevolezza diffusa e condivisa delle tendenze di medio-lungo periodo.

L’intervento

L’intervento si è basato sul DB costituito con Edizioni Speciali srl con i dati di vendita per modello e mese, dal 2006 al 2011, riaggregando i dati per per segmento di prodotto, per cilindrata, per marchio. I dati sono stati studiati con le correnti tecniche di analisi dei trend.

I risultati

L’analisi, presentata all’MDN-Workshop EICMA 2011, a un pubblico di manager delle Case, imprenditori della distribuzione, e fornitori di servizi per i dealer, ha costituito un momento di creazione di una visione condivisa e diffusa sulle trasformazioni in corso nel mercato. Una base di conoscenza comune, che fluidifica la convergenza verso strategie coerenti tra gli attori della filiera: si riduce la conflittualità “da divergenza delle percezioni”, facilitando la composizione dei conflitti di interesse fisiologici per la distribuzione del margine tra produttori e distributori.

L’analisi ha evidenziato che la discesa del mercato è iniziata dal 2006, anticipando di due anni la crisi dei consumi, e si è accentuata dopo il 2008, con una perdita cumulata nel periodo nell’ordine del 50%.

Entro questo quadro si osservano importanti mutamenti strutturali. Per quanto riguarda le moto (il macro-segmento di prodotto più pregiato), la migliore tenuta dei segmenti di prodotto di nicchia , di quelli a cilindrata più elevata, dei marchi premium. Nell’ambito degli scooter tutti i segmenti perdono volumi, ma i segmenti più pregiati (comfort e sport) subiscono le perdite più rilevanti; si affermano marchi storicamente non leader, e si conferma la leadership di Piaggio (in termini di volumi di immatricolazione), mentre si indebolisce la posizione dei marchi giapponesi.

Le politiche di sostegno congiunturale al mercato, in particolare gli incentivi alla rottamazione del 2009, hanno scarsa influenza: accelerano gli acquisti dell’anno di adozione, ma provocano una caduta del mercato più profonda nell’anno successivo.